Magnesio, l’elemento di Giove


Magnesio a chi?? La sua etimologia

Metallo di Magnesio
Metallo di Magnesio

Il nome magnesio fu introdotto da Davy nel 1812, nome imposto a quel corpo metallico semplice, bianco e splendente, che costituisce la base della Magnesia e che è il prodotto ossidato di quel corpo. E’ l’elemento ricavato per via elettrochimica dal sale, il carbonato di magnesio MgCO3, allora noto col nome di magnesia alba. La voce è dunque ricavata dal nome latino Magnesia = della (o delle) città di Magnesia (in greco Magnesía). Venne così nominato per la somiglianza che presenta col ferro magnetico o calamita naturale.

Tavola elementi di Mendeleev
Tavola elementi di               Mendeleev

Il Magnesio è un elemento chimico solido, di colore bianco argento, facente parte del gruppo dei metalli alcalini terrosi, avente numero atomico 12, peso atomico 24,305 e con simbolo chimico Mg

Il magnesio – Mg

Magnesio carbonato Negli integratori in vendita ci deve SEMPRE essere
Magnesio carbonato

Il magnesio è un fuoriclasse al limite della panacea: è un elemento essenziale allo stesso titolo degli altri, ma… Il ferro, per esempio, catalizza solo l’emoglobina, invece, il magnesio catalizza circa 300 funzioni enzimatiche. Il magnesio è un elemento che tende ad essere davvero carente nella nostra dieta per colpa della raffinazione di alcuni alimenti; ecco perché un apporto ponderale è spesso utile.

Il magnesio è un attore importante del metabolismo cartilagineo ed osseo.

E’ un riequilibrante del sistema nervoso, dal momento che la vitamina B1, specifica a questo sistema, non può essere attivata senza di esso. Nella cellula nervosa, il deficit in magnesio provoca un’ipereccitabilità delle strutture cerebrali a livello del corpo striato, del tronco cerebrale e dell’ipotalamo, cioè delle zone che controllano il sistema motorio, il sistema neurovegetativo e il sistema neuroendocrino.

Le sue proprietà riguardano l’aumento dell’energia globale, stimola il sistema immunitario, è tonico cardiovascolare, regolatore delle cellule nervose e del metabolismo del calcio.

E’ indicato per:

Magnesio cloruro
Magnesio cloruro
  • disturbi endocrini – iper e ipotiroidismo, iper e ipoparatiroidismo, pancreatite, diabete, disturbi mestruali, prostatismo
  • disturbi dell’apparato muscolare – fibromialgia, convulsioni e spasmofilia, ipereccitabilità motoria (crampi muscolari, spasmi, insofferenza degli arti inferiori), tetania (la tetania è una condizione patologica in cui si ha una aumentata eccitabilità neuromuscolare, può essere dovuta a cause diverse, come malattie infettive, carenze vitaminiche, problemi alle ghiandole paratiroidi, ipocalcemia, malassorbimento intestinale e altro.)
  • disturbi del sistema nervoso (insonnia, depressione, disturbi della concentrazione, tendenza a stancarsi facilmente), nevrite, nevralgia, parestesie (anomalie della percezione delle sensazioni) degli arti e parestesie (formicolii, sensazione di stanchezza specie al mattino, bruciore)
  • disturbi dell’apparato cardiaco – cardiopatie, tachicardia, aritmia, spasmi vascolari, extrasistole, ipertensione, angina pectoris
  • disturbi intestinali cronici, colite, entercolite, stitichezza cronica

Potrei continuare ancora, l’elenco è veramente molto articolato, ma la scelta più importante da fare è:

CHE MAGNESIO DEVO USARE? Basta dire Magnesio? NO!!

Il suggerimento di un terapeuta, sia esso medico o naturopata, è sempre la via migliore per avere “l’abito su misura”; siamo tutti UNICI e irripetibili e l’attenzione all’insieme della persona è la prima Magsol_5_plusmodalità curativa, al di là delle indicazioni che si trovano sulle confezioni in commercio.

Come naturopata suggerisco un prodotto che, oltre a ben cinque tipi di Magnesio che lavorano in sinergia, contiene anche Betacarotene che è una provitamina A nella forma biologicamente attiva. Il prodotto è acquistabile in farmacia e nelle erboristerie più fornite, la sua descrizione la trovate QUI.

Alimenti ricchi di Magnesio: tra gli alimenti più ricchi di magnesio troviamo le alghe, i piselli, il riso integrale, i semi di lino, semi di girasole, semi di zucca, le mandorle, l’avocado, il pesce fresco, la frutta fresca in genere e le patate con la buccia. Va detto che i processi di cottura e di lavorazione industriale ne provocano una forte, se non totale, eliminazione.

Eccessi di Magnesio: il magnesio, se assunto normalmente con gli alimenti, non presenta alcun rischio per la salute, tuttavia, gli integratori come il cloruro di magnesio, ad alti dosaggi, possono causare effetti collaterali come la diarrea e i crampi addominali. Inoltre, è bene ricordare che il rischio di tossicità del magnesio aumenta se si soffre di insufficienza renale, in quanto, i reni possono aver problemi ad eliminare il magnesio in eccesso.

Spagyria

Jupiter
Jupiter

Anche nella Spagyria è presente il Magnesio. Il suo genio planetario è Giove (Vedi i Geni Planetari QUI). A questo proposito cito Angelo Angelini: “Sul piano fisico Giove è il Magnesio del secondo piccolo periodo, ed il Calcio del primo grande periodo; calcio e magnesio che in unione, sotto forma di carbonati, costituiscono la vasta schiera dei marmi con cui furono costruiti i templi più antichi, ed anche quelli più recenti di stile gotico….. In quanto proiezione su tutto ciò che esiste, la funzione gioviniana richiama gli amori mitologici di Giove, che si unisce a dee, ninfe, donne mortali, dalle quali ha numerosa prole. Nel simbolismo di ogni dea o ninfa o mortale, vi è un significato analogico molto profondo.”

Le piante Gioviniane, secondo la Spagyria, sono: basilico, borragine, castagno, centaurea, curcuma, edera, frassino, iperico, issopo, lisimacchia, malva, mirtillo, pervinca, quercia, salvia, santoreggia, schisandra, tiglio, uva ursina, verga aurea e zenzero.

Bibliografia consigliata:

  • Il Magnesio nella pratica clinica – Jean Durlach, ed. Nuova Ipsa, 1988
  • Curarsi con il Magnesio – Raul Vergini, ed. Red, 2003
  • Il Serto di Iside – Angelo Angelini, ed. Kemi, 1986