Disordine Affettivo Stagionale e l’Epifisi, il controllore del ciclo circadiano


SAD Disturbo Affettivo Stagionale
SAD
              Disturbo Affettivo Stagionale

MELATONINA ZINCO SELENIO Dr Pierpaoli
e il Disordine Affettivo Stagionale

SAD si cura con la Melatonina Zinco Selenio che controlla e sostiene l’EPIFISI, importantissima ghiandola endocrina.

È uno dei disturbi meno conosciuti, poco diagnosticato dai medici di famiglia, ma ha tutte le caratteristiche di una vera a propria patologia. La sigla con cui lo si indica, SAD, si riferisce a quel Disordine Affettivo Stagionale (Seasonal Affective Disorder) che ai cambi di stagione, in particolare con l’arrivo dell’autunno, scatena ansia, irritabilità, depressione, stanchezza, mal di testa e insonnia in oltre tre milioni di italiani, soprattutto donne fra i 20 e i 40 anni. Solo all’inizio degli anni Ottanta del secolo scorso il SAD è stato ufficialmente riconosciuto un disturbo del tono e dell’umore alla cui origine ci sono cause oggettive: i cambiamenti luce-buio e l’accorciamento delle giornate possono influenzare la produzione di neurotrasmettitori come la serotonina e di ormoni quali la melatonina, alterando i normali ritmi biologici.

Epifisi e Sistema Nervoso Centrale
Epifisi e Sistema Nervoso Centrale

I sintomi 
Alcuni criteri specifici sono indispensabili per identificare a diagnosticare il SAD:
– Corrispondenza tra la comparsa dei sintomi e particolari periodi dell’anno;
– Attenuazione o remissione completa del disturbo in periodi dell’anno altrettanto precisi;
– Cambiamento stagionale delle abitudini alimentari: aumento dell’appetito con forte desiderio di carboidrati, dolci, caffeina, e conseguente aumento di peso;
– Facile irritabilità, pigrizia, malinconia, difficoltà nei rapporti interpersonali e sul lavoro;
– Calo del desiderio sessuale;
– Insonnia o, al contrario, ipersonnia.
Mentre alcuni dei sintomi descritti compaiono anche in alcune forme di depressione tradizionale, la particolare combinazione di letargia, ansia, irritabilità e cambiamenti delle abitudini alimentari con cui il paziente tenta di fronteggiare i cambiamenti stagionali rappresenta un disturbo specifico e tipico del SAD.

EPIFISII rimedi 
Il SAD è provocato dall’incepparsi della ciclicità dei livelli degli ormoni che governano il ciclo circadiano. Nell’organismo è la ghiandola pineale, incastonata nel cervello, a controllare l’orologio biologico del corpo e i ritmi sonno-veglia. Questa ghiandola reagisce all’alternanza periodica di buio e luce che l’occhio recepisce e trasmette. La pineale esercita il suo controllo attraverso una sostanza o molecola chiamata melatonina, che produce soprattutto di notte, durante il sonno, regolando il ritmo circadiano. Le nuove ricerche sul SAD sono concentrate proprio sulla fondamentale interazione tra luce e melatonina. Ne è riprova il fatto che la Sindrome Affettiva Stagionale è maggiormente diffusa nei Paesi dove la quantità annua di luce solare è minore e dove fa più freddo, come il Canada, l’Islanda e i Paesi Scandinavi. Per questo una delle terapie più utilizzate per curarla è l’esposizione quotidiana, per almeno un’ora, alla luce solare o a luci particolari che riproducono esattamente quella del sole. Anche l’alimentazione di chi soffre di SAD richiede particolari attenzioni: limitazione nell’assunzione quotidiana di calorie, pasti piccoli e nutrienti a base di cereali integrali, carni magre, pesce, frutta e verdura, drastica riduzione di zuccheri raffinati e caffeina, divieto di bere alcolici sono alcune delle regole da seguire.

Spagyria

Saturno – l’inserimento razionale nella vita: è la funzione inerente a ogni ambito di epifisi animataconcentrazione,

rigidità e strutturazione.

Chiamato dai greci “Cronos” è ciò che consente l’esistenza di tutte le cose, il demiurgo che pone in essere le condizioni affinché il Disegno Creativo possa realizzarsi. È forza centripeta, conservatrice, protettrice della solarità. È il guardiano della Soglia che separa il mondo celeste da quello umano e quindi tramite ultimo per accedere alle dimensioni superiori dell’essere.

Nel corpo fisico ha a che fare con la milza, il corpo calloso, il cervelletto, l’equilibrio idrosalino, l’udito e le strutture ossee.

Nel sistema endocrino è rappresentato dall’epifisi.

 

Approfondimenti scientifici

Bibliografia – Epifisi e Salute

Bibliografia di Psiconeuroendocrinoimmunologia:

  • Mutamenti nelle basi delle scienze – Francesco Bottaccioli – ed. Tecniche Nuove – 2011
  • Stress e vita – Francesco Bottaccioli – ed. Tecniche Nuove – 2013