Sono piccino, sono libero da pubblicità e ringrazio tutti!


Sono io, il vostro blog che vi scrive questa volta. Voglio ringraziare tutti gli iscritti alla newsletter, i lettori, i singoli visitatori, i commentatori e, invece di fare bilanci freddi a fine anno, quest’anno ho deciso di condividere alcune curiosità che sono il risultato di voi con me nel 2016.

Prima regola: non prendersi mai troppo sul serio, è noioso, ridondante e non interessa a nessuno quanto sei bello e figo. Non lo farò nemmeno io.

Partirò dall’articolo meno letto del 2016 sui vegetali mitologici, è stato pubblicato nel luglio del 2014.

Poco più su la recensione di #Michela #Moioli, pubblicata nel giugno 2013.

Salgo, salgo e ritrovo l’articolo sulla SAD, pubblicato nell’ottobre 2015.

Già da queste indicazioni comprendo che i post sul blog non hanno scadenza e vivono a dispetto del tempo, per come lo intendiamo noi.

Ne è la conferma il più letto da quando è stato pubblicato, nel giugno 2013: ho anche una citazione latina nel mio titolo.

I dati che mi giungono dalle statistiche servono esclusivamente a capire se la “mia nave” stia seguendo una rotta funzionale e a proseguire liberamente nel condividere la conoscenza tramite i porti che voi mi indicate. Grazie!

La chiusura della mia gratitudine la affido ad una delle mie poetesse preferite, Alda Merini

gratitudine

Autore del post: Lo stupore infinito per la Naturopatia